Come migliorare la digestione con lo yoga

Il sistema digestivo contribuisce in modo rilevante al benessere psico-fisico. L’intestino, oltre ad essere indiscutibilmente legato alla funzione digestiva, ha una forte correlazione con le emozioni, che è in grado di elaborare grazie alla presenza di fibre neuronali. Viene infatti chiamato il secondo cervello.

Ansia, stress, stati emotivi negativi e un ’alimentazione non idonea  influenzano negativamente la digestione, causando:

  • Gonfiore addominale;
  • Senso di pesantezza;
  • Bruciore.

Per scongiurare questi disturbi e trovare sollievo viene in aiuto la disciplina dello Yoga.

DIGESTIONE E PRATICA YOGA

Le capacità di rilassamento, meditazione e di rafforzamento muscolare di questa disciplina sono ben note, tuttavia i suoi benefici sono ancor più ampi.

Alcune asana (posizioni), oltre a  distendere la mente e portare serenità, sono in grado di stimolare i processi digestivi grazie ad una serie di movimenti che esercitano una pressione e una decompressione degli organi addominali tale da favorire il processo di digestione.

Questo massaggio addominale allevia i disturbi digestivi e riequilibra la calma interiore. È  bene però ricordare che lo Yoga va praticato a stomaco vuoto: attendi dunque qualche ora dopo il pasto prima di praticare. 

Quali sono gli asana che aiutano la digestione? Ecco due esercizi consigliati dalla nostra trainer.

PRIMA POSIZIONE – ROTAZIONE SULL’ASSE CENTRALE

Per questo esercizio hai bisogno di un tappetino sul quale sederti nella posizione del fiore di loto o più semplicemente con le gambe incrociate. Esegui queste sequenze:

  • Appoggia le mani sulle ginocchia e presta attenzione alla stabilità del tuo corpo, assicurandoti una seduta sulle ossa dei glutei;
  • Mantieni una posizione comoda e la schiena dritta ma libera di muoversi;
  • Rilassa le spalle, respira in modo profondo dal naso e inizia a disegnare un cerchio con il busto attorno all’asse centrale. Quindi respira con naturalezza e, dopo un paio di giri, cambia direzione.

Il movimento deve essere fluido e lento, portando lateralmente e in avanti la schiena in modo da renderla più sciolta ad ogni cerchio. Rilassati e percepisci il respiro ed i benefici dell’esercizio sulla schiena e sull’addome.

Continua a disegnare cerchi per almeno 10 volte, anche cambiando direzione con maggiore frequenza.  Più tempo dedicherai a questo esercizio, più ne beneficerà il tuo benessere psico-fisico. 

Queste rotazioni agiscono sulla fascia posteriore della schiena e sul corsetto addominale, ovvero quei muscoli che aiutano a mantenere una posizione corretta, stimolando la funzione degli organi digestivi.

SECONDA POSIZIONE – LA GHIRLANDA

Anche questo esercizio sarà svolto a terra, quindi posiziona il tappetino, distenditi con la pancia rivolta verso l’alto e lasciati guidare:

  • Piega le gambe e sistema i piedi sotto le ginocchia, appoggiando bene la pianta dei piedi a terra e vicino ai glutei;
  • Le braccia sono distese lungo i fianchi: procedi con la retroversione del bacino, un primo massaggio della fascia addominale e della schiena;
  • Solleva il pube verso l’alto, attivando i glutei e spingi l’addome verso l’alto, portando il carico sulle spalle e sulla testa;
  • Ritorna in posizione di partenza srotolando la colonna vertebrale lentamente e riportando la schiena a terra nella sua curva naturale. 

Dopo qualche ripetizione, se te la senti, puoi provare la versione avanzata dell’esercizio che prevede l’aggancio delle mani alle caviglie.

Ripeti la versione più adatta a te da 5 a 10 volte, in base al tuo tempo, a come ti senti e a come risponde il tuo corpo. 

In entrambe le varianti non è importante quanto in alto si porta il busto, ma il movimento pelvico delle anche e del bacino che stimola la fascia addominale. 

Questo allenamento è ideale per migliorare la funzione digestiva ma ricorda di associare l’esercizio fisico ad un’alimentazione equilibrata e ricca di fibre, frutta e verdura.

Per una merenda o uno spuntino fresco, sano e saporito scegli la mela Fuji: dolcissima e dalla polpa molto croccante e succosa.

LE PROTAGONISTE DEL MESE

FUJI

Rinfrescante, croccante e succosa

GOLDEN DELICIOUS

La regina delle mele, di colore gialloverde e dal sapore aromatico

LE NOSTRE TRAINER

FEDERICA
COLOMBO

Nasce come pattinatrice e danzatrice per poi dedicarsi totalmente al fitness. Personal trainer specializzata in Yoga e Pilates. Mela preferita: Golden Delicious.

GAIA
PAGNINI

Fitness trainer, massoterapista e futura osteopata. Il suo obiettivo è il benessere fisico delle persone. Mela preferita: Fuji.

Il sistema digestivo contribuisce in modo rilevante al benessere psico-fisico. L’intestino, oltre ad essere indiscutibilmente legato alla funzione digestiva, ha una forte correlazione con le emozioni, che è in grado di elaborare grazie alla presenza di fibre neuronali. Viene infatti chiamato il secondo cervello.

Ansia, stress, stati emotivi negativi e un ’alimentazione non idonea  influenzano negativamente la digestione, causando:

  • Gonfiore addominale;
  • Senso di pesantezza;
  • Bruciore.

Per scongiurare questi disturbi e trovare sollievo viene in aiuto la disciplina dello Yoga.

DIGESTIONE E PRATICA YOGA

Le capacità di rilassamento, meditazione e di rafforzamento muscolare di questa disciplina sono ben note, tuttavia i suoi benefici sono ancor più ampi.

Alcune asana (posizioni), oltre a  distendere la mente e portare serenità, sono in grado di stimolare i processi digestivi grazie ad una serie di movimenti che esercitano una pressione e una decompressione degli organi addominali tale da favorire il processo di digestione.

Questo massaggio addominale allevia i disturbi digestivi e riequilibra la calma interiore. È  bene però ricordare che lo Yoga va praticato a stomaco vuoto: attendi dunque qualche ora dopo il pasto prima di praticare. 

Quali sono gli asana che aiutano la digestione? Ecco due esercizi consigliati dalla nostra trainer.

PRIMA POSIZIONE – ROTAZIONE SULL’ASSE CENTRALE

Per questo esercizio hai bisogno di un tappetino sul quale sederti nella posizione del fiore di loto o più semplicemente con le gambe incrociate. Esegui queste sequenze:

  • Appoggia le mani sulle ginocchia e presta attenzione alla stabilità del tuo corpo, assicurandoti una seduta sulle ossa dei glutei;
  • Mantieni una posizione comoda e la schiena dritta ma libera di muoversi;
  • Rilassa le spalle, respira in modo profondo dal naso e inizia a disegnare un cerchio con il busto attorno all’asse centrale. Quindi respira con naturalezza e, dopo un paio di giri, cambia direzione.

Il movimento deve essere fluido e lento, portando lateralmente e in avanti la schiena in modo da renderla più sciolta ad ogni cerchio. Rilassati e percepisci il respiro ed i benefici dell’esercizio sulla schiena e sull’addome.

Continua a disegnare cerchi per almeno 10 volte, anche cambiando direzione con maggiore frequenza.  Più tempo dedicherai a questo esercizio, più ne beneficerà il tuo benessere psico-fisico. 

Queste rotazioni agiscono sulla fascia posteriore della schiena e sul corsetto addominale, ovvero quei muscoli che aiutano a mantenere una posizione corretta, stimolando la funzione degli organi digestivi.

SECONDA POSIZIONE – LA GHIRLANDA

Anche questo esercizio sarà svolto a terra, quindi posiziona il tappetino, distenditi con la pancia rivolta verso l’alto e lasciati guidare:

  • Piega le gambe e sistema i piedi sotto le ginocchia, appoggiando bene la pianta dei piedi a terra e vicino ai glutei;
  • Le braccia sono distese lungo i fianchi: procedi con la retroversione del bacino, un primo massaggio della fascia addominale e della schiena;
  • Solleva il pube verso l’alto, attivando i glutei e spingi l’addome verso l’alto, portando il carico sulle spalle e sulla testa;
  • Ritorna in posizione di partenza srotolando la colonna vertebrale lentamente e riportando la schiena a terra nella sua curva naturale. 

Dopo qualche ripetizione, se te la senti, puoi provare la versione avanzata dell’esercizio che prevede l’aggancio delle mani alle caviglie.

Ripeti la versione più adatta a te da 5 a 10 volte, in base al tuo tempo, a come ti senti e a come risponde il tuo corpo. 

In entrambe le varianti non è importante quanto in alto si porta il busto, ma il movimento pelvico delle anche e del bacino che stimola la fascia addominale. 

Questo allenamento è ideale per migliorare la funzione digestiva ma ricorda di associare l’esercizio fisico ad un’alimentazione equilibrata e ricca di fibre, frutta e verdura.

Per una merenda o uno spuntino fresco, sano e saporito scegli la mela Fuji: dolcissima e dalla polpa molto croccante e succosa.

LE PROTAGONISTE

DEL MESE

FUJI

Rinfrescante, croccante e succosa

GOLDEN DELICIOUS

La regina delle mele, dal colore gialloverde e dal sapore aromatico

LE NOSTRE TRAINER

FEDERICA
COLOMBO

Nasce come pattinatrice e danzatrice per poi dedicarsi totalmente al fitness. Personal trainer specializzata in Yoga e Pilates. Mela preferita: Golden Delicious.

GAIA
PAGNINI

Fitness trainer, massoterapista e futura osteopata. Il suo obiettivo è il benessere fisico delle persone. Mela preferita: Fuji.

ISCRIVITI AL BLOG

  • Registrandoti confermi di prestare il consenso al trattamento dei dati come da Informativa privacy.

ISCRIVITI AL BLOG

EQUILIBRIO NATURALE

  • Registrandoti confermi di prestare il consenso al trattamento dei dati come da Informativa privacy.